Collabora:

Seguici:

Cabinet minimalista per hifi in alluminio

  • Difficoltà:
    intermedia
  • Costo:
    110€
  • Tempo di realizzazione:
    360 minuti

Materiale necessario

  • Listello/pannello di legno (nel mio caso traverso curvo)
  • fondo e coperchio (multistrato/listellare) da sagomare spesso 15mm
  • rivestimento in sughero e alluminio (carta alluminio)
  • lamiera di alluminio spazzolato (reperibile presso i centri fai-da-te)
  • manopola volume
  • pulsante con frontale a filo con illuminazione led blu
  • 4 strisce led blu 12 volt e relativi cablaggi
  • pelle
  • calamite con meccanismo a molla per apertura/chiusura
  • led 12V (retroiluminazione manopola volume)

Introduzione

Il mio t-amp aveva bisogno di un vestito adatto e la mia idea di partenza era un cabinet con frontale di alluminio curvo, ma avrebbe risuonato come una campana e da qui è nata l’idea del legno rivestito di alluminio.

Lavorando in una falegnameria ho avuto modo di portarmi a casa degli scarti, tra cui dei traversi curvi, su cui avrei sagomato il frontale.

Ecco alcune delle principali caratteristiche: il fondo e il coperchio devono seguire inevitabilmente la stessa curvatura. Il coperchio è senza viti visibili, ma trattenuto da calamite a molla. La parete posteriore, invece, sarà sganciabile con fori svasati per gli spinotti ingresso/uscita. Il pulsante d’accensione è retroilluminato.

Preparazione

Il traverso ricurvo che ho recuperato era troppo lungo, quindi l’ho ridotto di alcuni centimetri. I fianchetti li ho tagliati inclinati in modo da combaciare il più possibile con la curvatura degli estremi.

Ho incollato i fianchi sul fondo (dopo il frontale curvo) in modo da sagomarli come il frontale e ho avvitato il coperchio sulla parte inferiore del fondo per dargli la stessa linea (con lo stesso orientamento che avrebbe avuto superiormente, ma avvitato per poterlo lavorare con forza)

Il retro l’ho fatto con l’idea di poterlo smontare e modificare senza dover ogni volta dissaldare i contatti e quindi l’ho fissato con staffette di plastica innestabili ed estraibili con una semplice pressione.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio  

Incollati i fianchetti ed il frontale al fondo, ho calcolato le altezze in modo che la lamina di alluminio di altezza 10 cm coprisse il coperchio, il frontale e il fondo e andasse ancora più giù fino ad arrivare a 2 mm dal piano d’appoggio, in modo da far vedere solo un filo di luce blu passare da sotto, tenendo conto dei piedoni di gomma su cui avrebbe appoggiato. Ho proseguito facendo i fori per l’alberino del volume, per il led di retroilluminazione del volume e per alloggiare il pulsante di accensione.

Dopo di ciò ho cominciato a piegare la lamina seguendo il movimento del frontale e dei fianchetti fino al retro, centrandolo rispetto all’asse di simmetria (guardandolo in pianta). Inizialmente ho piegato a mano, poi mi sono aiutato con un pezzo di legno per non dare direzioni incerte, ma rettilinee. Per dare forza agli spigoli è bastata qualche buona martellata alla lamiera appoggiandomi a un pezzo di legno.

Bisogna fare attenzione ad alcuni particolari con la lamiera di alluminio. Nel piegarla ci si deve aiutare con un blocco di legno per esercitare una forza distribuita e lineare sulla parte che rivestirà lo spigolo posizionandosi a metà lungo lo spigolo per poi procedere girando e piegando col movimento l’alluminio. Se non si è perfettamente diritti si rischia di piegare male l’alluminio formando uno spigolo imperfetto che si può sistemare solamente martellando leggermente su un pezzo di legno. Mai martellare direttamente il metallo.

Cabinet minimalista per hifi in alluminioCabinet minimalista per hifi in alluminio

Per garantire una buona tenuta ho applicato del silicone forte in ogni parte critica, ma prima ho pulito bene il legno per non indebolire la forza di tenuta del silicone con eventuale sporco.

Fatto ciò ho adagiato la lamiera sul legno e l’ho morsettata in ogni sua parte. La parte frontale curva l’ho pressata con un traverso curvo che aveva la stessa curvatura. Per garantire una buona presa ho lasciato passare 24 ore.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio  Cabinet minimalista per hifi in alluminio

In attesa che il silicone agisse ho cosparso il coperchio di colla internamente e ho applicato pellicola d’alluminio per schermare un minimo dalle interferenze, mentre esternamente, sopra un bel velo di colla vinilica stesa con la spatola, ho steso e tirato la pelle bianca come rivestimento, quindi ho poggiato una tavola sopra e con molti morsetti e traversi posti trasversalmente ho tirato e stretto moltissimo. Per garantire un buon incollaggio ho interposto un panno liscio e uniforme, per evitare le pieghe che altrimenti si imprimerebbero, tra la pelle e il pannello che usavo per pressarla contro il legno. Il taglio della pelle va fatto con una lama sottile e precisa ed il movimento per tagliare va fatto con decisione e fermezza, tendendo a chiudere la lama verso l’interno e tenendo teso il lembo di pelle con l’altra mano. (Fate prove con la carta , finché non prendete un pò di mano e sensibilità.)

Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio

Ho proseguito facendo le aperture nell’alluminio per pulsante, led e albero del potenziometro, limando via le sbavature con una lima tonda e fine. Quindi ho fissato il pulsante al legno con della colla a caldo perché la fresata era più larga del corpo del pulsante, non avendo una fresa del diametro esatto mi sono dovuto accontentare.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio
Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio

Costruzione

Successivamente ho montato la calamite di chiusura. Si tratta di un meccanismo a molla, tipo pulsante, con una calamita facilmente reperibili nei negozi di ferramenta ed accessori per mobili. Poi ho rivestito il fondo con alluminio e sughero, così da essere antistatico ed isolante, ed il coperchio con alluminio e le piattine di chiusura metallica per le calamite.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio
Cabinet minimalista per hifi in alluminio  

Dopo aver studiato gli ingombri interni ho provveduto ai cablaggi con cavo di rame solid core. Ai lati del rimando del potenziometro ho messo i condensatori d’ingresso e a fianco un piccolo vano in plastica come contenitore dei condensatori per provare differenti configurazioni. I cablaggi dall’ingresso al pulsante a tutti i punti di giunzione con le linee di led sono sul fondo (polo -) e sul frontale (polo +) . 

  Cabinet minimalista per hifi in alluminio
Cabinet minimalista per hifi in alluminio  

Il fondo esterno l’ho rivestito con plastica adesiva per poter fare aderire bene le strisce di led ed i piedoni di gomma trasparente. Ho quindi applicato le strisce led con relativi cablaggi tenuti fermi da colla a caldo e da un pannellino di legno.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio
   Cabinet minimalista per hifi in alluminio

L’alberino in carbonio, come prolunga per il potenziometro, è una finezza. Leggerissimo, quasi non si percepisce quando si ruota la manopola, ma va tagliato con attenzione perché si scheggia molto facilmente sparando pezzi finissimi. Quindi per chi volesse provarci, consiglio di tagliare a mano oppure mettere il tubicino di carbonio in mezzo a listelli di legno che lo fermino e ne impediscano la vibrazione e la conseguente scheggiatura. Io ho fatto con una sega a nastro ma avrei fatto meglio con un seghetto a mano a lama sottile.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio
Cabinet minimalista per hifi in alluminioCabinet minimalista per hifi in alluminio Cabinet minimalista per hifi in alluminio

 Ed eccolo nel suo splendore :D. Ma il meglio lo dà da acceso!

Cabinet minimalista per hifi in alluminio  
Cabinet minimalista per hifi in alluminio  Cabinet minimalista per hifi in alluminio

 

 

 

Test

La struttura è forte e resistente, dati i fianchi in multistrato con rivestimento in mdf, il frontale in tiglio da 3 cm, il fondo in listellare ed il coperchio in multistrato da 15. Ne risulta un cabinet sordo nonostante la struttura abbia anche componenti in alluminio, che dovrebbero garantire un’efficace schermatura.

Conclusioni

Dopo tanta fatica si ha la soddisfazione di avere un pezzo unico nel suo genere. Non è perfetto, ma non devo commercializzarlo. Difetti ce ne sono, soprattutto piegando la lamiera a mano è facile lasciare segni sullo spigolo.

Le soluzioni estetiche e costruttive sono infinite, basta avere manualità ed inventiva assieme ad un po’ di gusto. Questo lavoro è nato dalla voglia di avere un cabinet diverso, sofisticato e minimalista nell’estetica al tempo stesso.

Cabinet minimalista per hifi in alluminio

Il lavoro non è stato difficile e le procedure sono semplici; fori e fresate che si fanno con un minimo di attrezzatura. Un consiglio: progettate tutto a tavolino, e se ci riuscite ditemi come si fa. Io parto bene e poi stravolgo tutto in corso d’opera, sono troppo poco progettista e troppo artista volubile.

Autore: damp73

Abile costruttore e creativo già ai tempi dei giochi con i Lego. Instancabile creativo a tutti i livelli, particolarmente portato per il legno. Ho fatto il falegname per alcuni anni. I primi esperimenti con l'audio li ho fatti per un'amico nel lontano 1994 realizzando dei subwoofer per l'auto, su progetto di cui non ricordo la fonte, ma un semplice bass reflex con crossover. Ma il meglio lo dò nell'ambito dell'arredamento, sempre in legno, sempre a mano e con pochi mezzi, ma quel che conta è il risultato.

Leggi tutti gli articoli di damp73.

Il suo sito: http://www.photo4u.it/album_personal.php?user_id=29313

Inviaci i tuoi progetti!

Hai costruito con le tue mani un mobile per hifi, dei diffusori, elettroniche? Hai qualche altro progetto fai da te legato al mondo dell'hifi?

Myhifi è dedicato proprio a far conoscere questi progetti. Quindi, se vuoi condividere la tua opera con altri appassionati di audiocostruzioni come te, puoi collaborare anche tu.

Per scoprire come fare, clicca qui.

A presto!

Add Comment Register



Lascia un commento

We support Real Stereo

© 2010-2014 MyHiFi, tutti i diritti riservati | P.IVA 01139850315

Sviluppato e disegnato da Alberto Cabas Vidani. Basato su Wordpress e Headway.


Licenza Creative CommonsMyHiFi di Antonio Cabas Vidani è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.